1

qualitaria

TORINO -26-03-2019 - Il Consiglio Regionale ha approvato ieri, lunedì 25 marzo, a maggioranza,  il Piano regionale per la qualità dell’aria: si tratta dello strumento per la programmazione, il coordinamento e il controllo in materia di inquinamento atmosferico, finalizzato al miglioramento progressivo delle condizioni ambientali e alla salvaguardia della salute dell'uomo e dell'ambiente. I principali obiettivi sono:   rientrare nei valori limite nel più breve tempo possibile, anche in sinergia con le misure nazionali, per gli inquinanti che oggi superano i valori limite su tutto il territorio piemontese o in alcune zone e agglomerati (particolato atmosferico Pm10 e Pm2,5, biossido di azoto NO2); preservare la qualità dell’aria nelle zone e nell’agglomerato in cui i livelli degli inquinanti siano stabilmente al di sotto dei valori limite, mantenendo o riducendo ulteriormente le concentrazioni degli inquinanti. Tra gli strumenti previsti per migliorare la qualità dell’aria: la rilevazione periodica dei dati delle misure di Piano e della qualità dell’aria; l’inventario regionale delle emissioni in atmosfera; lo sviluppo degli strumenti a supporto della valutazione delle qualità dell’aria attraverso la rete di rilevamento; la modellistica; la programmazione e predisposizione degli strumenti, delle normative e degli indirizzi regionali per il risanamento atmosferico; l’attività di comunicazione e di informazione in materia di risanamento atmosferico rivolta ai cittadini e ai soggetti coinvolti. Nel corso della discussione generale è intervenuto l’assessore all’Ambiente Alberto Valmaggia che ha illustrato il complesso e duraturo iter del Piano: “Si tratta di un documento importante e strategico e che ci ha portato ad azzerare una procedura d’infrazione rilevata dall’Ue così come quelle sulle acque reflue, aree protette e bonifiche”.

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.