1

condominio

BIELLA- 28-03-2019 - Il Comune

di Biella ha deciso di attivare il progetto "Viva" (acronimo di Voglio iniziare una vita autonoma), rendendo disponibili due appartamenti di edilizia sociale di Biella Sud a donne vittime di violenza ed ai loro bambini. Il progetto, come si legge sul sito internet del Comune di Biella, è stato studiato dai servizi sociali municipali hanno studiato per sostenere le vittime di maltrattamenti domestici una volta chiusasi la prima fase, quella dell'emergenza e della necessità di mettersi al sicuro. La delibera in tal senso è stata approvata dalla giunta lunedì 25 marzo. Per accedere sono necessari alcuni requisiti: essere residenti a Biella da almeno 12 mesi e se extracomunitarie avere il permesso di soggiorno in regola, la volontà di aderire a proposte di welfare generativo, ovvero “ricambiando” l'ospitalità mettendosi a disposizione per piccoli lavori, ad esempio migliorie agli alloggi stessi, e l'esistenza di un piano di lavoro con tutte le figure professionali che si occuperanno del caso. Un'altra condizione imprescindibile è che non vi siano provvedimenti di collocamento protetto da parte dell'autorità giudiziaria e che ci sia una valutazione da parte dell'assistente sociale che costruirà insieme alle donne ospiti un progetto non solo di accoglienza ma anche di vita autonoma.

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.