1

biella carabinieri furto

BIELLA 05-12-2019 Arrestato un 26enne rumeno

 

 

dai carabinieri di Biella e Andorno Micca, responsabile di tentato furto in abitazione.  La vicenda si sviluppa nella notte del 4 dicembre, quando una famiglia di Gaglianico, rientrando a casa, si accorge che quattro uomini vestiti di scuro con il volto coperto da passamontagna, fuggono dalla loro abitazione dopo averli visti arrivare. L’immediato allerta telefonico alla Centrale Operativa dei Carabinieri ha consentito alle pattuglie della Radiomobile e della Stazione di Andorno Micca, poco lontane perché impegnate in un servizio di contrasto ai furti, di arrivare tempestivamente sul luogo segnalato e di intercettare, durante l’avvicinamento, poco lontano, una Chevrolet bianca, con a bordo un uomo. L’auto è stata ritenuta subito sospetta e sottoposta ad un controllo dalla pattuglia della Stazione di Andorno, che ha identificato l’uomo seduto al posto di guida. Sorpreso dal controllo, il conducente ha dall’inizio manifestato un atteggiamento nervoso, quasi scontroso, che ha alimentato i sospetti dei militari, che hanno proceduto alla perquisizione del veicolo che dava esito favorevole. Infatti, all’interno dell’abitacolo e nel bagagliaio, i Carabinieri hanno rinvenuto numerosi oggetti da scasso, tra cui un piede di porco, una mola per il taglio dell’acciaio, nonché torce elettriche, berretti scuri, denaro contante ed alcuni oggetti di oreficeria. Nulla di plausibilmente giustificabile…. Il 26enne, è stato arrestato per tentato furto in abitazione in concorso, nonché per detenzione di arnesi da scasso ed oggetti atti ad offendere. A conclusione delle rituali formalità, svolte nella notte al Comando dell’Arma di via Fratelli Rosselli, l’arrestato è stato condotto al carcere di Biella.

 

 

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.