1

CARABINIERI FORESTALI

 

BIELLA 26-06-2020 Gli esiti delle analisi

 

condotte dall’Istituto Zooprofilattico di Torino, avviate subito al momento del ritrovamento, confermano la presenza di una sostanza anomala nei frammenti di carne ritrovati a fine marzo da un cittadino lungo un sentiero di montagna in Valle Elvo. La
circostanza, ad opera di ignoti, è sottoposta ad indagine da parte dei Carabinieri Forestali. La dispersione di esche avvelenate rappresenta una minaccia per il
ricco patrimonio faunistico dell’area, e potrebbe costituire un vile ed irresponsabile tentativo di eliminare fauna selvatica “sgradita”; inoltre, comporta
un grave pericolo anche per gli animali domestici, come i cani a passeggio: la zona del ritrovamento, situata nei pressi di alcune baite, è infatti frequentata da
escursionisti ed appassionati della montagna, ai quali si raccomanda di prestare la massima attenzione. L’abbandono di alimenti contaminati da veleni o altre
sostanze nocive nell’ambiente è infatti un serio rischio anche per la salute umana, in particolare dei bambini, e può essere causa di contaminazione
dell’ecosistema.
È proprio per questi motivi che il Ministero della Salute ha ribadito, con una recente ordinanza del luglio 2019, il divieto di detenere, preparare a disperdere
esche e bocconi avvelenati o nocivi, prevedendo l’attivazione di un’apposita procedura in caso di presunto avvelenamento di animali domestici o selvatici. I
cittadini che dovessero imbattersi in bocconi sospetti sono tenuti a segnalarlo prontamente all’autorità sanitaria competente e alle forze dell’ordine.

 

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Se prosegui nella navigazione di questo sito acconsenti l'utilizzo dei cookie.